[ SCOPRI QUAL E’ LA PIANTA DA INTERNO CHE SOPRAVVIVE ANCHE A CHI PENSA DI AVERE IL POLLICE “NERO” ]

Le piante, in casa rendono l’atmosfera accogliente e piena di carattere.

Ma c’è una cosa che spesso passa in secondo piano davanti all’esigenza di riempire un angolo vuoto di casa con una bella pianta da interno.

La bella pianta non è un oggetto d’arredo, ma un essere vivente.

Possiamo sforzarci il più possibile di adattare il suo nuovo habitat alle sue condizioni ottimali… ma in natura non è circondata da pareti.

Triste realtà.

Magari hai già provato diverse volte prima di arrenderti ed iniziare a pensare di avere il pollice “nero”; hai assistito impotente al graduale deperimento di diverse specie di piante… tutte molto belle, i primi giorni… ma poi…

A lungo andare tutto ciò diventa un po’ frustrante, non credi?

Beh… c’è una pianta che potrebbe risolvere il tuo problema: é una pianta semplice, dalle poche pretese, ma molto decorativa.

Il pothos.

Il pothos è un animo quieto, si adatta praticamente ad ogni spazio e chiede davvero pochissime attenzioni.

E’ un animo gentile: non si lamenta delle nuove condizioni di vita, non ti fa pesare la mancanza del clima caldo e lussureggiante; si adatta con fare cordiale ad ogni tua richiesta.

Preferisce seguire la sua natura “strisciante”, ma gli esemplari più grandi si inerpicano di buon grado sulla margotta.

Sono maestosi, con grandi foglie verdi screziate di giallo brillante: perfetti per arredare e dare carattere ad un angolo spoglio e disadorno.

Hai poco spazio?

Magari stavi pensando a una cosa meno imponente, giusto qualcosina da mettere sulle mensole…

Nessun problema!

Il nostro pothos, gentilmente, si adatta anche allo spazio ristretto di un piccolo vaso. Come ti dicevo, non ha grandi pretese. Le foglie diventeranno piccoline, proporzionate, formando una rigogliosa cascata verde anche in un minuscolo spazio vitale.

Le tue stanze sono poco luminose?

Il pothos si accontenta, non importa.

Lui continua lo stesso a regalarci gioia ogni giorno con i suoi rami rigogliosi… solo le foglie tenderanno a perdere la loro screziatura chiara.

Con il garbo che lo contraddistingue, il pothos non si dispera neanche se ti capita di trascurarlo un po’…

Lui resiste… e si adatta.

Se proprio inizia ad avere troppa sete, non mancherà di fartelo notare… ma sempre con gentilezza.

Le sue foglie si afflosceranno delicatamente, pronte a ritirarsi su appena tu gli darai da bere, come se niente fosse successo… Non ama lasciare sensi di colpa dietro di se, il buon pothos.

Nessuna ramanzina neanche quando ti accendi una sigaretta davanti a lui (non è uno da prediche): si adatta e, a suo modo, cerca di aiutarti, depurando l’aria intorno.

Il pothos è tra i coinquilini migliori da avere: bello, dal buon carattere, adattabile e utile.

C’è il rischio di innamorarsi di un personaggio del genere!

Ti avviso, però: io mi sono innamorata di lui e adesso la mia casa è letteralmente invasa da piccoli pothos!

Ottenere talee da questa pianta è davvero facilissimo: basta staccare due foglioline, mettere la base in acqua qualche giorno (fino a quando non spuntano le radici) e piantarla in un vasetto con del buon terriccio.

In poco tempo, se ti fai prendere la mano, avrai un pothos per stanza anche tu!

Mi raccomando, se decidi di avere questa pianta come coinquilino, raccontami come va la vostra convivenza nei commenti qui sotto!

A presto

Simona

pothos_salotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.