[COSA SUCCEDE QUANDO TI PERDI… E COME RIUSCIRE A RITROVARTI ]

Iniziare a scrivere questo post è molto difficile per me…

Perchè?

Perchè devo chiederti scusa.

Non ci sono molti giri di parole: sono settimane che non ti scrivo ed è proprio per questo che ti chiedo scusa.

Sarebbe bello dirti che sono stata al mare, mi sono goduta le ferie e mi sono divertita tantissimo, così tanto da mettere da parte la scrittura per un po’…

Purtroppo non è questo il caso…

A volte, nella vita quotidiana, succedono imprevisti: cose per cui non sei pronto, che ti travolgono e che ti fanno modificare in un attimo molti aspetti della tua giornata.

Le priorità si capovolgono, le giornate diventano un susseguirsi di cose da fare, da sistemare, ed il pensiero “domani lo faccio” si insinua come un tarlo nel cervello, giorno dopo giorno.

Pensi di posticipare solo di un giorno, forse due… ma ogni giornata è diversa, troppo piena di cose e di pensieri, e alla fine quel paio di giorni diventano in un attimo settimane.

Non mi sono dimenticata di te, anzi…

Sono stata travolta dal tempo.

Quando ci si perde, ci si trova a fare pause “forzate” dalle cose che più si amano, per mandare avanti quelle che hanno più urgenza (anche se ne avrei fatto volentieri a meno).

Questo ha, inevitabilmente, ripercussioni su ogni aspetto della vita: il mio rapporto con te che mi leggi, con la scrittura, con la vita casalinga e anche, purtroppo, sulla vita delle piante che abitano con me.

Già… anche le piante soffrono quando ci sono questi cambiamenti così repentini.

Anche se ho cercato il più possibile di innaffiarle con regolarità, loro hanno accusato il mio umore differente, la mia mancanza nell’osservarle ogni giorno, la quotidianità stravolta….

Come porre rimedio a tutto questo?

Come si fa a ritrovarsi?

Me lo sono chiesta molte volte in queste ultime settimane: ci sono stati giorni in cui non mi sentivo in grado di far nulla, annientata da mille pensieri ed emozioni, schiacciata dalle mille cose da fare, oppressa dalla paura di non farcela.

Rimettere in moto tutto diventa difficile e pesante.

La soluzione è soltanto una: fare il primo passo.

Senza paura di mostrare le difficoltà, senza paura di cadere.

Una mia carissima amica mi ripete sempre “Fatto è meglio che perfetto”. Ha ragione.

In quest’ultimo periodo ho rimesso in moto la “macchina”: l’ho lavata, pulita, eliminato i pensieri superflui e fatta ripartire.

Anche le mie piante, piano piano, stanno riprendendo vigore: chiaro segno di miglioramento nella mia ricerca del “centro di gravità permanente”.

Dalla prossima settimana ritorneranno i nostri appuntamenti: come al solito, tante chiacchiere sulla vita delle nostre piante e anche qualche sorpresa, che spero ti piacerà!

Grazie mille per la tua pazienza.

A presto

Simona

danielle-macinnes-222441-unsplash

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.